La Comunità Ebraica di Firenze organizza il primo Film Festival internazionale interamente dedicato alla produzione cinematografica israeliana.

Dal 14 al 16 settembre una selezione tra le migliori pellicole del cinema d’autore israeliano, alcune inedite in Italia e già presentate al Pitigliani Kolno’a Festival di Roma, verrà proiettata gratuitamente allo Spazio Alfieri di Firenze.

Il Cinema israeliano è molto attivo e ricco di produzioni che si muovono all’interno di un ampio movimento artistico-culturale.
Con il Florence Israeli Film Festival la Comunità Ebraica di Firenze vuole far conoscere al grande pubblico i maggiori temi trattati dai registi israeliani.

Il Festival è stato realizzato in collaborazione con Fondazione Sistema Toscana e il Pitigliani Kolno’a Festival di Roma.


PROGRAMMA

14/09
20.00 – Apericena
21.30 – Footnote
15/09
19.30 – Yes, Miss Commander
21.00 – Apericena
22.30 – A Matter of Size
16/09
19.30 – Aviva My Love
21.30 – Apericena
22.30 – Big Eyes
LE PROIEZIONI SONO GRATUITE

I FILM

Footnote

Footnote di Joseph Cedar

14 Settembre | ore 21.30

(Israele 2011 – 105′)
Gli Shkolnik, padre e figlio, sono entrambi rinomati filologi e studiosi del Talmud: solo che al genitore sono sempre mancati i riconoscimenti ufficiali, accademici e pubblici, che al figlio invece vengono tributati numerosi. E questo, ad un uomo anziano che si è sempre sentito ostracizzato e depredato dei suoi meriti, un uomo testardo e intrattabile, questo proprio non va giù. E che deve fare allora il figlio quando gli viene comunicato che il più
importante riconoscimento israeliano nel mondo della cultura che finalmente il padre sembra aver ottenuto era in realtà destinato a lui e che l’omonimia ha generato un errore?


Guarda il trailer
Yes, Miss Commander

Yes, Miss Commander di Dan Setton, Itzik Lerner

15 Settembre | ore 19.30

(Israele 2009- 96′)
Havat Hashomer, una base militare sulle colline della Bassa Galilea. Ogni giorno arrivano alla base ragazzi provenienti dai bassifondi d’Israele, con problemi famigliari, economici, di droga o con la fedina penale sporca. Ad accoglierli una schiera di donne comandante che hanno un’unica missione: trasformare questi “cattivi ragazzi” in ottimi soldati. Tra il rigore dell’esercito e il coinvolgimento emotivo, le ragazze comandante si trovano ad affrontare situazioni difficili: a volte non bastano le flessioni per punire i disobbedienti, forse le parole, un gesto di comprensione possono fare molto di più.

Guarda il trailer
A Matter of Size

A Matter of Size di Sharon Maymon, Erez Tadmor

15 Settembre | ore 22.30

(Israele 2009 – 90′)
Un gruppo di persone obese della città israeliana di Ramla prova a fare i conti con un regime di dieta molto rigido, ma ogni tentativo è vano. Uno tra loro, Herzl, inizia a lavorare come lava piatti in un ristorante giapponese dove viene in contatto con il mondo del Sumo, attraverso Kitano, il manager del ristorante. Così Herzl convince Kitano, che ne è stato maestro, ad iniziarlo alla lotta giapponese e pian piano riesce a coinvolgere tutti i suoi
amici con gli stessi problemi di “taglia forte”. Attraverso il Sumo questo gruppo di persone riesce a vivere finalmente in armonia con il proprio corpo e presto scoprirà che per accettare se stessi non serve la lotta giapponese.

Guarda il trailer
Aviva My Love

Aviva My Love di Shemi Zarhin

16 Settembre | ore 19.30

(Israele 2006-107’)
Aviva è impiegata nelle cucine di un grande albergo a Tiberiade, ma il suo sogno è di diventare una scrittrice a tutti gli effetti. Ha un marito disoccupato, tre figli problematici, una madre affetta da disturbi psichici e una sorella – donna dotata di un gran senso dell’umorismo e anch’essa con desideri d’evasione. Grazie all’incoraggiamento e l’appoggio della sorella, Aviva incontra Oded, un noto scrittore, che le promette di farla diventare una vera scrittrice. Tuttavia il sogno non tarda a trasformarsi in un incubo e Aviva si troverà a fare i conti con la sua vita, scoprendo però così anche la sua voce
interiore e guadagnandosi la sua indipendenza.

Guarda il trailer
Big Eyes

Big Eyes di Uri Zohar

16 Settembre | ore 22.30

(Israele 1974 – 75′)
Tel Aviv anni ’70. Benny Furman è un allenatore di basket, diviso tra gli impegni familiari con un figlio, una moglie e l’attrazione smodata per le donne. Yossi è un giocatore di basket ed è molto amico di Benny. L’accostamento tra questi due caratteri mette in luce l’immaturità di Benny, che è abituato ad usare le persone e a non dire quasi mai la verità. Ma prima o poi l’allenatore deve fare i conti con la realtà.

DOVE SIAMO

SPAZIO ALFIERI

Via dell’Ulivo 6, Firenze 50122

APERICENA

di

ZAZIE

dans le bistrò

a cura di

RUTH’S

kosher restaurant


SOSTENITORE

SPONSOR

IN COLLABORAZIONE CON